Alle 4.30 del 29 marzo 2021, la Ever Given, la nave della compagnia di navigazione Evergreen Marine Corp., incagliata nel Canale di Suez, è stata finalmente disincagliata e raddrizzata per circa l’80%. L’operazione è stata facilitata dalla luna piena e, di conseguenza, dall’alta marea. Al momento, tuttavia, la portacontainer non è ancora in grado di navigare e, per questa ragione, il transito attraverso il Canale non è ancora stato ripristinato.

Tutto ciò che sappiamo finora sulla Ever Given

A partire dallo scorso 23 marzo, la Ever Given della compagnia di navigazione Evergreen Marine Corp. con sede a Taiwan, si è incagliata nel Canale di Suez a circa sei chilometri dalla foce, per causa ancora da comprendere, bloccando, almeno inizialmente, la circolazione in entrambe le direzioni. Nonostante i tentativi di disincagliare l’imbarcazione, una delle più grandi al mondo, al momento l’ingorgo resta con conseguenze sull’economia mondiale di dimensioni mastodontiche.

L’incidente della Ever Given nel Canale di Suez

La mattina del 23 marzo, alle ore 7:40, la Ever Given, proveniente dal porto di Yangshan, stava attraversando il Canale di Suez con rotta verso il porto di Rotterdam. Forse per venti imprevisti, con raffiche fino a 74 km/h, la nave, che in quel momento trasportava 18.300 container, è uscita dalla rotta prestabilita e ha finito per incagliarsi su una sponda del Canale, in un tratto dove ancora non è avvenuto l’ampliamento, ostruendo completamente il passaggio alle altre imbarcazioni.

Le conseguenze dell’incidente

Ciò ha immediatamente causato un ingorgo che, ora dopo ora, è arrivata a contare quasi quattrocento imbarcazioni, per la maggior parte portacontainer e di venticinque petroliere. Alcune, considerata la situazione, i costi maggiori di 300 mila dollari e un tempo di navigazione superiore di 7-10 giorni, hanno comunque deciso di intraprendere la circumnavigazione dell’Africa.

Da un punto di vista economico, l’agenzia Bloomberg ha valutato che l’ostruzione del canale provoca un danno economico di 9,6 miliardi al giorno. Basti pensare che, secondo LLoyd’s List, il solo valore delle merci stivate nelle stive delle imbarcazioni bloccate ammonta a circa 8,1 miliardi di euro.

La Ever Given della Evergreen Marine Corp. di Taiwan

La Ever Given, gestita dalla compagnia con sede a Taiwan Evergreen Marine Corp., ma di proprietà della Shoei Kisen Kaisha, è una portacontainer costruita nel 2018. L’imbarcazione, appartenente alla classe Golden, è lunga circa 399,94 metri, larga 32,9 metri e ha una stazza lorda di 220.940 tsl e una capacità di carico di 20.124 TEU. Queste mastodontiche dimensioni ne fanno una delle portacontainer più grandi al mondo.

Per muovere questo colosso dei mari, la Even Given è dotata di un unico propulsore diesel a due tempi, a undici cilindri, realizzato dalla Mitsui-Man B&W, che è capace di una potenza nominale di 79.500 CV a 79 giri/minuto. Ciò rende possibile raggiungere una velocità di servizio di 22,8 nodi, pari a 42,2 km/h.

Non ti chiediamo niente in cambio e facciamo con scrupolo il nostro lavoro

Ogni giorno, migliaia di lettori visitano Corriere del Trasporto per leggere le notizie più importanti sul mondo del trasporto e della logistica. Ci impegniamo a fondo per fornire un servizio serio, puntuale e preciso. Per questo articolo, in particolare, abbiamo attinto informazioni da questo sito.
La fotografia, invece, è stata prelevata - senza volontà di infrangere alcun copyright - da questo sito.
Qualora avessimo commesso un errore, ti invitiamo a scrivere a redazione@corrieretrasporto.it. Verificheremo il caso e, se necessario, provvederemo alla modifica.

Il Direttore.