È accaduto nuovamente: il canale di Suez è bloccato ancora una volta. Dopo il caso della Ever Given, accaduto lo scorso 23 marzo, un’altra porta container, la Coral Crystal, si è incagliata al chilometro 54, nella parte più a sud del bacino, costringendo le autorità a fermare il traffico lungo il passaggio strategico verso il Mar Rosso.

La situazione del Canale di Suez

L’imbarcazione, che batte bandiera panamense, era in viaggio verso il Sudan. Per ragioni non chiarite, la porta container si è insabbiata. Lunga 225 metri, larga 32 e con una stazza complessiva di 78.103 tonnellate, la Coral Crystal ha praticamente bloccato ogni passaggio lungo il canale. Condizione che, di fatto, ha costretto a fermare momentaneamente il passaggio di altre navi. Fortunatamente, l’imbarcazione era solo leggermente insabbiata e, dopo poco, è tornata regolarmente a galleggiare. Solo questo ha impedito un incidente più grave.

La grande paura, infatti, era quella di un secondo caso Ever Given. In quell’occasione, l’imbarcazione aveva bloccato per diversi giorni il traffico di navi attraverso il canale. In tutto, 422 navi erano rimaste bloccate, causando ingenti danni sia alle aziende produttrici che a quelle di trasporto. La Ever Given, peraltro, ha lasciato il canale di Suez solamente pochi giorni fa, il 7 luglio, quando finalmente è stato trovato un accordo fra l’armatore e le autorità del Canale.

L’ennesimo incidente, tuttavia, ha nuovamente risvegliato la questione delle porta container di dimensioni tali da bloccare il canale. Il gigantismo navale, come già evidenziato con la Ever Given, sta portando a non pochi problemi sia di natura infrastrutturale sia per la gravità degli incidenti e delle conseguenze che queste possono comportare.

Non ti chiediamo niente in cambio e facciamo con scrupolo il nostro lavoro

Ogni giorno, migliaia di lettori visitano Corriere del Trasporto per leggere le notizie più importanti sul mondo del trasporto e della logistica. Ci impegniamo a fondo per fornire un servizio serio, puntuale e preciso. Per questo articolo, in particolare, abbiamo attinto informazioni da questo sito.
La fotografia, invece, è stata prelevata - senza volontà di infrangere alcun copyright - da questo sito.
Qualora avessimo commesso un errore, ti invitiamo a scrivere a redazione@corrieretrasporto.it. Verificheremo il caso e, se necessario, provvederemo alla modifica.

Il Direttore.